Blog
23
11
2020

Kendall Jenner si allena 11 minuti al giorno – Personal Trainer Firenze

Ho trovato un articolo su google che titolava così. Kendall Jenner si allena 11 minuti al giorno e SI VEDE aggiungerei, infatti ha il fisico di chi nasce magra, mangia poco e non si allena. Ecco invece 6 buoni consigli per allenarsi a casa ed avere buoni risultati

6 consigli per Rendere i propri allenamenti efficaci

Nell’articolo si leggeva che la routine di Kendall è formata da 13 esercizi (tutti poi sostanzialmente per l’addome), nient’altro, nessun altro parametro, è un po’ come se dicessi che per andare ad est bisogna girare a destra, mancano cioè dei riferimenti importanti, ecco quali.

  • Quantità: se vogliamo ottenere risultati dai nostri allenamenti dobbiamo sapere QUANTO ci stiamo allenando realmente, dobbiamo misurarlo, misurare le ripetizioni e le serie per gruppo muscolare o funzione, nell’arco della settimana. Spesso finiamo un allenamento più stanchi della volta precedente ma questo non significa che abbiamo lavorato di più, se andiamo a “misurare” quanto abbiamo fatto ci accorgiamo che magari abbiamo totalizzato un volume inferiore di lavoro
  • Intensità: che si tratti di attività cardio o di allenamento contro resistenza è necessario misurare il carico che stiamo muovendo (contro resistenza) o il livello di impegno cardio-respiratorio (allenamento cardio) o entrambi. Se non misuriamo questo parametro è facile che i nostri allenamenti nel tempo non diano risultati apprezzabili
  • Esercizi: l’allenamento deve produrre stress, è una richiesta che fate al vostro metabolismo, più muscoli sono coinvolti in un esercizio maggiore sarà lo stress, più marcata sarà la risposta del vostro corpo. Allenare solo alcuni muscoli come spesso fate (quando ad esempio vi incaponite sui glutei o sull’addome) non darà risultati come allenare esercizi che coinvolgono tutto il corpo.
  • Zone critiche: vi vedete i fianchi grossi e giù a fare slanci, vi vedete la pancia e giù a fare addominali, vi sentite grassi e giù ore ed ore a fare cardio. NON E’ COSI’ CHE FUNZIONA. Dovete sapere che DURANTE l’allenamento non accade nulla, non si dimagrisce, non si tonifica, non si mette massa muscolare, non si diventa più forti. Tutto accade nei giorni, nelle settimane successive. L’entità dei cambiamenti dipenderà dal tipo e dalla quantità di stress che avrete generato negli allenamenti e per avere degli stimoli adeguati bisogna allenare TUTTO il CORPO, anche quelle zone che non vi interessano o quegli esercizi che non vi piacciono. Quindi DONNE allenate molto anche la parte alta, UOMINI allenate molto anche le gambe
  • Programmazione: Il corpo si adatta, quello che oggi riconosce come un forte stimolo, domani non sarà più tale e bisognerà quindi aver misurato la quantità, l’intensità degli allenamenti delle settimane precedenti per essere sicuri che stiamo facendo oggi di più e meglio. Bisognerà variare alcuni esercizi per non sovraccaricare troppo articolazioni e tessuti, bisognerà riconoscere quando è necessario recuperare e in che modo
  • Bilancio energetico: una cosa importante da sapere, se vogliamo una trasformazione corporea (o un mantenimento) dai nostri sforzi, è di quanta energia abbiamo bisogno per far si che nel tempo riduciamo il grasso corporeo senza più rimetterlo. L’energia ce la procuriamo dagli alimenti e la spendiamo per quelle attività metaboliche necessarie alla sopravvivenza dell’organismo sommate alle attività quotidiane e per ultimo in ordine di rilevanza, all’allenamento. Sapere quanto stiamo mangiando e quanto dobbiamo mangiare è fondamentale per evitare effetti yo-yo, deperimenti, o la mancanza di risultati.

Conclusioni

Non fatevi Fregare dalle chiacchiere, dai social, da chi scrive cosa fa il vip di turno. C’è una scienza che ci dice cosa fare e dei professionisti che la conoscono e possono aiutarvi, smettete di squalificarci anteponendo l’articolo sugli esercizi di Kendal Jenner ai nostri consigli, è un insulto all’intelligenza di tutti. Tanto poi la fine è sempre la stessa: chi ottiene risultati da solo li ottiene perchè è geneticamente “fortunato”, li ottiene qualunque cosa faccia, gli altri prima o poi vengono a bussare alla porta del personal trainer, quando spesso ormai molti giochi sono fatti ed il tempo è già passato invano.